The new Meta rules on anti-Russian hate speech will be toxic

A horrible measure in horrible circumstances, which is yet another serious precedent for an unprecedented drift of thought.

drafting

Meta, la creatura di Mark Zuckerberg, ha recentemente concesso ai propri utenti la possibilità di riportare sui social frasi d’odio contro Russia e Bielorussia.

Un provvedimento difficile da accettare, che ci fa ragionare sull’enorme cambiamento della società moderna.

Perché, in un periodo così complesso, incitare le persone ad odiare? Invece di aiutarle a vedere il mondo diversamente, invece di porre l’attenzione verso chi ha davvero bisogno d’aiuto.

La Reuters managed to get hold of some of Meta's internal emails.

In base a quanto scoperto, sarà possibile scrivere suoi social di Zuckerberg (Facebook e Instagram) discorsi violenti contro le autorità russe coinvolte dell’invasione Ucraina.

Among the violent options allowed, Meta also admits posts calling for the death of Russian President Vladimir Putin or his Belarusian counterpart Alexander Lukashenko.

La legalizzazione dell’odio

hate

Meta's provision will be valid for Ukraine, Poland, Latvia, Lithuania, Estonia, Slovakia, Hungary and Romania. Russia would also have been included, had the Duma not decided to delete Instagram as well (after the cancellation of Facebook).

In sua difesa, l’azienda ha riportato la seguente dichiarazione:

Si tratta di misure temporanee progettate per preservare la voce e l’espressione di persone che stanno affrontando un’invasione. Come sempre, stiamo vietando gli appelli alla violenza contro i russi al di fuori del contesto ristretto dell’attuale invasione.

Così come l’esercito russo si appresta a ricevere una serie di “commenti negativi”, il Azov Battalion – un’unità militare neonazista ucraina – potrà essere elogiato dagli utenti.

La nuova campagna di accettazione dell’odio di Meta, è infatti associata ad un altro provvedimento. Sappiamo, grazie alle informazioni ricavate da The Intercept , che l’azienda consentirà agli iscritti di elogiare il Battaglione Azov.

This choice, questionable from several points of view, does nothing but demonstrate the power of Meta.

In pochi secondi una sola azienda è in grado di minare la libertà di espressione delle vittime, oltre che spingere centinaia di persone all’odio più estremo.

I hate sociak
Rhetoric, hatred, war propaganda: the new social banquet is served.

The expected risk

L’azione di Meta, la decisione di accettare gli appelli alla violenza contro i russi, porta con sé un rischio enorme.

Non è la prima volta che Meta rischia accuse gravi – ricordiamo la sua accusa di incitement to genocide – ma questa volta le conseguenze potrebbero essere inaspettate.

Com’è facile intuire, il provvedimento ha acceso la furia dei Russi. In risposta all’azione di Zuckerberg, le autorità di regolamentazione russe hanno limitato l’accesso a Instagram.

Likewise, the country's prosecutors want designate Meta come “organizzazione estremista”. 

At this point one wonders: Is the risk really worth taking?

To report research, discoveries and inventions, contact the editorial team!

Alberto Robiati and Gianluca Riccio guide readers through scenarios of the future: the opportunities, risks and possibilities we have to create a possible tomorrow.