China plans an internet of smells

Gianluca Riccio

Technology

An internet of smells to make virtual reality more immersive: it is the main dish of the new national plans of the Chinese government.

Il governo cinese ha pubblicato un piano nazionale per lo sviluppo dell’industria della realtà virtuale, che include linee guida per promuovere la ricerca nella “simulazione degli odori”. A quanto pare, per Pechino è giunto il momento per la cosiddetta “Internet of Smells“, la internet degli odori che dovrebbe rendere tutto più immersivo (dipende dagli odori, secondo me).

Plan, that I link to you here, is (how to say?) typically Chinese. Fissa l’obiettivo di diffondere 25 milioni di dispositivi all’anno entro il 2025 e prevede la creazione di dieci parchi a tema VR in cui vengono esplorate le applicazioni. Prevede inoltre lo sviluppo di almeno 20 scenari in cui verrà utilizzata la realtà virtuale e 100 “casi pionieri” di applicazioni integrate.

Internet of smells

Il piano, come accennavo, prevede anche un’ampia ricerca sulle tecnologie che contribuiscono a una realtà virtuale più immersiva. Tecnologie che comprendono “tracciamento di gesti, occhi, espressione facciale, movimenti del corpo. Campi sonori immersivi, rilevamento mioelettrico, internet degli odori” e altre.

Miglioramenti, ottimizzazioni e connessioni, si legge nel piano, che si gioverebbero della rete ultra veloce 5G. C’è perfino un’brain-computer interface, volta a promuovere “lo sviluppo dell’interazione sensoriale nella direzione della naturalizzazione, della situalizzazione e dell’intelligenza”. Don't ask me what it means, I don't think I understand it completely.

The highlight, however, smells aside, is the creation of an open VR platform. An online structure that allows collaboration and simulation between multiple people. Mark Zuckerberg's ears are ringing, and it's not for the loud slaps received by former colleagues and on the stock exchange.

internet of smells
Le tecnologie olfattive non sono propriamente in fase avanzata, eppure nei piani nazionali cinesi il governo prevede di implementare una ‘internet degli odori’ in 5 anni. Chissà.

Virtual reality, real country

La società di analisi IDC ha stimato che le vendite globali di visori per la realtà virtuale hanno raggiunto 11,2 milioni di unità nel 2021, con la Cina che ne ha acquistati circa 500.000: diventeranno 50 milioni entro i prossimi 3 anni. Per intenderci, IDC ha registrato 13,5 milioni di smartphone pieghevoli nel 2021, e ha previsto che entro il 2026 ne saranno venduti 41,5 milioni. Sembra che il trend per la VR sia vicino ad un’esplosione tale da superare anche le cifre di vendita dei dispositivi che oggi sembrano più lanciati.

Certo, tra “metaversi” in salsa cinese, internet degli odori e altri piani, non sembra ancora vicina entro i prossimi 3 anni un’adozione di massa per queste tecnologie. Parliamo pur sempre di una popolazione da 1,4 miliardi di persone. Ai ritmi di crescita previsti, per avere un impatto significativo sulla società cinese la realtà virtuale dovrebbe attraversare almeno 20 anni di evoluzione. Per giunta in un periodo storico nel quale lo sviluppo dei microchip potrebbe diventare maledettamente difficile per il Celeste Impero.

The growth of these technologies, however, is known to be exponential. And if we talk about surprises, you can smell all kinds of smells around these days.

To report research, discoveries and inventions, contact the editorial team!

Near Future & Everyday Fact

Alberto Robiati and Gianluca Riccio guide readers through scenarios of the future: the opportunities, risks and possibilities we have to create a possible tomorrow.