ETH Technology: Drinking water from the air 24 hours a day, without power

Photo by the author
of editorial staff

Environment

ETH Technology: Drinking water from the air 24 hours a day, without power

Un nuovo condensatore sta per cambiare l’industria dell’ “acqua dolce”, portando risultati più che positivi.

Ad oggi, le comunità che vivono lontane dal mare (e che quindi non possono semplicemente dissalare l’acqua per averne da bere) hanno a disposizione pochi sistemi per procurarsi l’acqua dolce. In realtà, più che avere pochi sistemi, hanno strumenti particolarmente bisognosi di energia e con limiti evidenti.

Basti pensare ai processi che sfruttano l’escursione termica tra il giorno e la notte. Purtroppo, funzionano correttamente solo di notte, perché di giorno vengono scaldati dalla luce del sole (non c’è possibilità di condensazione). Serve trovare qualcosa di più efficace, più economico e più funzionale.

Is this the case with the ETH capacitor? Let's find out together by looking at its features and functionality.

A self-cooling condenser

A team of researchers fromETH (Swiss Federal Institute of Technology Zurich) has developed a new water vapor conversion technology.

Their new tool, a fully functional condenser, is able to collect drinking water 24 hours a day and without power.

Made of a glass plate coated with a special material, the structure of the ETH condenser reflects the sun's rays and radiates its heat towards the outer space. The water vapor condenses on the underside of the glass, immediately transforming into water.

Il rivestimento del vetro è stato creato unendo strati di polimero e argento: il suo compito è quello di migliorare il processo di emissione delle radiazioni infrarosse verso lo spazio esterno, evitando la riflessione sulla lastra. Allo stesso tempo, la struttura è dotata di uno “scudo” contro le radiazioni, a forma di cono.
Il cono riesce a deviare parte della radiazione che arriva dal sole, permettendo al dispositivo di irradiare il calore accumulato verso l’esterno e autoraffreddarsi.

The first tests carried out by the team showed that the ETH è in grado di produrre quotidianamente il doppio dell’acqua compared to the best passive technologies currently in existence.

capacitor eth
Schematic of the capacitor. (CREDIT: Haechler I et al. Science Advances)

Similar projects and experiments

Dopo tutte le sperimentazioni effettuate, gli scienziati del ETH di Zurigo sono riusciti a raccogliere circa 0,53 decilitri di acqua per metro quadrato di superficie del vetro all’ora. 

Iwan Hachler, professore di Termodinamica all’ETH, ha affermato in riferimento all’esperimento e al valore ottenuto:

Questo è vicino al valore massimo teorico di 0,6 decilitri (2,03 once) all’ora, che è fisicamente impossibile da superare. A differenza di altre tecnologie, la nostra può davvero funzionare senza alcuna energia aggiuntiva, il che è un vantaggio fondamentale

Quasi tutte le altre tecnologie prevedono un “passaggio extra”. Richiedono che l’acqua di condensa venga pulita da una superficie, in modo da renderla utilizzabile e effettivamente potabile.

Il condensatore dell’ETH è dotato di un rivestimento superidrofobico (estremamente idrorepellente) sul lato inferiore del vetro. Il rivestimento fa in modo che l’acqua di condensa si muova verso l’alto e scorra o salti via da sola. In questo modo, il passaggio extra viene eliminato e il dispendio di energia abbassato.

Dalle informazioni rilasciate, sappiamo che la produzione delle lastre è abbastanza semplice. Non dovrebbe essere impossibile creare modelli più grandi e ancora più efficaci. Addirittura, sarebbe possibile anche posizionare diversi condensatori ad acqua uno accanto all’altro per mettere insieme un sistema su larga scala.

Nei prossimi mesi vedremo quello che succederà, ma possiamo essere felici di questa nuova costruzione e dei vantaggi che porterà a tutte le comunità troppo lontane dall’acqua salata.